Ottobre 2021 – Ciociaria

postato in: Viaggi Parrocchiali | 0

RIVIERA DI ULISSE E CIOCIARIA dal 04 al 09 Ottobre 2021 

Un viaggio in un territorio ricco di cultura, arte, storia e tradizione, tra mare e spazi verdi, aree archeologiche e borghi medievali, tra miti e leggende, con visita di Alatri, la “Città dei Ciclopi” e di Anagni, la medioevale “Città dei Papi” e della maestosa Abbazia di Montecassino

LUN 04 OTT: CONCOREZZO – ATTIGLIANO – SERMONETA – SPERLONGA

Nel tardo pomeriggio arrivo sulla Riviera di Ulisse, un territorio ricco di cultura, arte, storia e tradizione, tra mare e spazi verdi, aree archeologiche e borghi medievali, tra miti e leggende, in un’esperienza che coinvolge i sensi ed incanta la mente in un crescendo di curiosità. Incontro con la guida e visita di Sermoneta, considerata uno dei più integri borghi medievali del Lazio Meridionale, con una struttura urbana intatta e raccolta all’interno delle mura di cinta. 

MART 05 OTT: SPERLONGA – GAETA – FOSSANOVA – SPERLONGA

Visita della città di Gaeta, conosciuta per le sue bellezze naturali e il suo borgo medievale completamente circondato dal mare e ricco di beni monumentali di grande pregio, e del Santuario della Montagna Spaccata, uno dei più affascinanti fenomeni naturali della costa occidentale italiana. Nel pomeriggio visita guidata dell’Abbazia di Fossanova, monumento nazionale considerato il primo e il più antico esempio di architettura gotico-cistercense in Italia: si potranno ammirare la chiesa con il chiostro su cui ruotano il refettorio, la sala capitolare, l’infermeria dei monaci e la casa dell’abate dove morì nel 1274 San Tommaso d’Aquino. 

MERC 06 OTT: SPERLONGA – ANAGNI – ALATRI – FERENTINO – SPERLONGA

Visita di Anagni città d’arte, chiamata fin dal medioevo la città dei Papi in quanto diede i natali a ben quattro pontefici. Nel centro storico sono visitabili il Palazzo civico, il Palazzo di Bonifacio VIII, la Cattedrale e la sua meravigliosa cripta definita la cappella sistina del medioevo. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita del centro storico di Alatri, conosciuta come la “Città dei Ciclopi”, fondata dal Dio Saturno, per l’eccezionale stato di conservazione della sua Acropoli: uno dei più perfetti esempi di struttura “ciclopica” in Italia. Il suo fascino è dato dalla convivenza degli elementi monumentali arcaici e di quelli risalenti al Medioevo. Proseguimento per Ferentino: nata alla fine del II sec. a.C. è considerata l’esempio più significativo delle città fortificate, perché le sue mura mostrano il succedersi nel tempo dei vari interventi. La visita del centro storico ci condurrà al Mercato romano, nel criptoportico dell’Acropoli fino a raggiungere il Duomo romanico e l’elegante chiesa gotico-cistercense di Santa Maria Maggiore.

GIOV 07 OTT: SPERLONGA – CIRCEO – SPERLONGA

Visita di Sperlonga piccolo borgo dalle case bianche: un intreccio di vicoli, archi e scalette, un set cinematografico naturale che sedusse celebrità ed intellettuali come Andy Warhol, Luchino Visconti, Brigitte Bardot, Raf Vallone. Proseguimento per la visita del Museo Nazionale con l’area archeologica dove sono custoditi i resti della sontuosa Villa dell’Imperatore Tiberio,  decorata con gruppi scultorei che raccontano il viaggio di Ulisse. Nel pomeriggio Visita in bus del Parco Nazionale del Circeo con il lago di Sabaudia, della Foresta di Circe e sosta nelle sue due città: Sabaudia nata nel ’34 e studiata nel mondo come esempio tra i più interessanti e riusciti della corrente architettonica del Razionalismo e San Felice Circeo, un piccolo borgo medievale ricco di testimonianze del suo passato, fatto di stradine e belvedere che si affacciano sul mare e sulle isole Pontine. 

VEN 08 OTT: SPERLONGA – MONTECASSINO – MINTURNAE – SPERLONGA

Visita guidata della maestosa Abbazia di Montecassino, una delle più note Abbazie del mondo, fondata nel 529 da San Benedetto da Norcia sul luogo ove sorgeva l’acropoli dell’antica Casinum. Durante il medioevo fu un attivissimo centro di diffusione culturale, grazie all’opera degli abati che seppero creare biblioteche, archivi e soprattutto scuole scrittorie e miniaturistiche. Oggi si erge maestosa e solenne a dominare l’intera vallata del Liri. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio passeggiata lungo l’Antica Via Appia all’interno dell’area archeologica di Minturnae che condurrà alla scoperta della vita quotidiana degli antichi Romani, attraverso la visita del Foro con i suoi templi e le sue botteghe, il teatro e l’acquedotto. 

SAB 09 OTT: SPERLONGA – TERRACINA – CONCOREZZO

Visita di Terracina, la città dove l’Appia Antica arriva al mare, con il meraviglioso centro dove la storia appare come un libro aperto. Nel pomeriggio partenza per il rientro con arrivo previsto in serata.

Ottobre 2020 – Puglia e Matera

postato in: Viaggi Parrocchiali | 0

Viaggio in Puglia e Matera

Un itinerario ricco di storia e spiritualità tra i luoghi più belli d’Italia

dal 5 al 10 Ottobre 2020 (6 giorni/5 notti)

1° giorno: Lunedì 05 Ottobre 2020                                                                                                 

CONCOREZZO – LORETO – SAN GIOVANNI ROTONDO: Al mattino ritrovo dei Signori partecipanti in sede, sistemazione sul pullman GT e partenza in direzione Sud. Soste lungo il percorso. Arrivo a Loreto e visita della splendida città rinomata per il Santuario della Santa Casa di Nazareth dove, secondo la tradizione devozionale, la Vergine Maria ricevette l’Annunciazione. Pranzo in ristorante. Nel primo pomeriggio proseguimento per San Giovanni Rotondo. All’arrivo sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

2° giorno: Martedì 06 Ottobre 2020

SAN GIOVANNI ROTONDO – SANTA MARIA DI PULSANO – SAN MICHELE ARCANGELO – SAN GIOVANNI ROTONDO: Visita ai luoghi dove visse ed operò San Pio da Pietrelcina: la Chiesa Antica e la Chiesa Nuova, entrambe dedicate a Santa Maria delle Grazie, la cripta con le reliquie di San Pio, la Cella e il Crocifisso delle Stigmate. Si prosegue poi alla visita della chiesa di San Pio, opera dell’architetto Renzo Piano, e alla nuova tomba di San Pio, che dal 14 aprile 2010 custodiscono le preziose spoglie del santo. Adornano la nuova cripta dei monumentali mosaici opera di Padre Marko Rupnik. Dopo la celebrazione della Santa Messa, tempo a disposizione per le devozioni personali. Rientro in hotel per il pranzo. Al pomeriggio escursione in zona Monte Sant’ Angelo. Prima sosta all’abbazia rupestre di Santa Maria di Pulsano, con accoglienza da parte della comunità religiosa, abbazia benedettina fondata nel 1132 da San Giovanni da Matera in un luogo spettacolare dominato da valloni e strapiombi. Visibili da Pulsano sono alcune grotte di difficile accesso, dove si ritiravano i monaci in meditazione per lunghi periodi. Al termine si torna a Monte Sant’Angelo, nota al mondo cristiano per l’antichissimo Santuario di San Michele Arcangelo, meta medievale di pellegrinaggi provenienti da tutta l’Europa. Il santuario è anche uno dei maggiori luoghi di testimonianza dell’antica cultura longobarda in Italia, tanto da essere inserito nel 2011, dall’Unesco, nell’elenco dei Siti Patrimonio dell’Umanità. Al termine delle visite rientro in hotel.

3° giorno: Mercoledì 06 Ottobre

SAN GIOVANNI ROTONDO – CASTEL DEL MONTE – TRANI – ALBEROBELLO (o dintorni) Al mattino partenza per Castel del Monte, perfetto castello ottagonale fatto costruire dall’imperatore Federico II di Svevia attorno il 1240. Patrimonio mondiale dell’umanità, tutelato dall’Unesco, il castello è la più importante opera sveva in Italia meridionale. Di grande attrazione sono il ricorrente simbolismo e la raffinatezza dei suoi ambienti. Pranzo in masseria tipica.Nel pomeriggio proseguimento con la visita della città di Trani e la cattedrale dedicata a San Nicola Pellegrino. Al contrario del più celebre San Nicola di Bari, di San Nicola denominato il Pellegrino vi sono pochissime notizie: egli è patrono della città di Trani, dove morì nel 1094 dopo appena quindici giorni dal suo arrivo. Era nato in Grecia e dopo aver trascorso alcuni anni in solitudine giunse in Puglia, che percorse con una croce in mano e ripetendo l’invocazione ‘Kyrie Eleison’. Attirava e riuniva intorno a sé i ragazzi dando loro piccoli doni e facendo ripetere loro la sua invocazione. Dopo la sua morte fiorirono numerosi miracoli; quattro anni dopo, nel 1098 durante il Sinodo Romano, il vescovo di Trani si alzò e chiese all’Assemblea che il venerabile Nicola venisse iscritto nel catalogo dei Santi per i meriti avuti in vita e per i miracoli avvenuti post mortem. In suo onore iniziarono i lavori della nuova cattedrale, che ancora oggi si erge maestosa a pochi metri dal mare. Celebrazione della Santa Messa e proseguimento del viaggio verso Sud con arrivo in zona Alberobello. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

4° giorno: Giovedì 07 Ottobre 2020

ALBEROBELLO – MATERA Il mattino visita di Alberobello, cittadina unica al mondo per i suoi Trulli, curiose casette circolari costruite interamente in pietra, con i tetti dalla peculiare forma di cono; la cittadina è sotto la tutela dell’UNESCO. In tarda mattinata partenza per Matera. Pranzo. Nel pomeriggio visita guidata della città di Matera, famosa per i Sassi, antichi rioni scavati nella roccia calcarea e dichiarati Patrimonio Mondiale UNESCO dal 1993. Al mattino visita ai quartieri dei Sassi del Caveoso e Barisano. Visita del centro storico con la Cattedrale e alcune Chiese rupestri, della “Casa Grotta”, antica abitazione che offre uno spaccato di vita quotidiana nei sassi prima del loro abbandono e del Palombaro Lungo, mega cisterna scoperta nel 1991 per la raccolta delle acque piovane, scavata interamente nel tufo. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

5° giorno: Venerdì 09 Ottobre     

MATERA – BARI – BARLETTA Il mattino, proseguimento delle visite a Matera. In tarda mattinata partenza per  Bari.  Pranzo. Nel pomeriggio visita della città. La visita ha inizio dalla Basilica di San Nicola, la più importante chiesa pugliese del periodo medievale, nella cui cripta sono custodite le reliquie di San Nicola. La città è meta da quasi un millennio di un continuo, crescente pellegrinaggio al suo sepolcro. A Bari si incrociano i passi di molte genti, di diversa nazionalità e confessione religiosa. La Basilica a lui dedicata è luogo d’incontro e di dialogo, quasi avamposto di comunione in vista dell’auspicata riconciliazione di tutte le Chiese. Celebrazione della Santa Messa. Si prosegue nella città vecchia, vera e propria casba di viuzze e vicoletti, per la visita della Cattedrale di San Sabino ed il Castello Svevo. Da Bari trasferimento in zona Barletta. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

6° giorno: Sabato 10 Ottobre

BARLETTA – LANCIANO – CONCOREZZO Il mattino partenza per Lanciano e visita al Santuario del Miracolo Eucaristico. Celebrazione della Santa Messa. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio partenza per il viaggio di rientro con arrivo in sede previsto in tarda serata.

Ottobre 2019 – Tuscia

postato in: Viaggi Parrocchiali | 0

TESORI DI TUSCIA … TERRA DEI PAPI

Questo blocco contiene contenuto inaspettato o non valido.

 
7 – 11 OTTOBRE 2019 (5 giorni/4 notti)

1° giorno – Lunedì 7 Ottobre:

CONCOREZZO – VITERBO: “LA CITTA’ DEI PAPI”

Ritrovo dei Partecipanti in Via De Capitani (sotto il campanile) e partenza con pullman GT per Viterbo. Arrivo in hotel, sistemazione nelle camere e pranzo. Pomeriggio dedicato alla visita guidata della città di Viterbo, nota come la “Città dei Papi” ma anche “delle Belle Donne e delle Belle Fontane”, che conserva un ricco patrimonio storico-artistico. Si ammireranno le più belle piazze della Città e il Quartiere Medievale di San Pellegrino, che conserva gli originali profferli del XII-XIII sec.  Rientro in hotel, cena e pernottamento.

2° giorno – Martedì 8 Ottobre:                                                                                                     

VITERBO – CAPRAROLA – RISERVA NATURALE DEL LAGO DI VICO – SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA QUERCIA – VITERBO

Prima colazione in hotel. Al mattino si raggiunge Caprarola: incontro con la guida e visita all’imponente Palazzo Farnese del XVI sec., considerata la più grande opera del tardo Rinascimento Italiano mai realizzata, a cui lavorarono i più insigni maestri italiani della metà del ’500. Passeggiata nel monumentale parco con giardini all’italiana. Al termine si percorrerà a piedi un tratto della famosa “via dritta” che attraversa il paese creando un grande effetto scenografico di arrivo trionfale al Palazzo, che dall’alto domina tutto il bel borgo. Un esempio unico nel suo genere di urbanistica del 1500, che ha portato il Borgo di Caprarola a far parte dei 20 Borghi più Belli d’Italia. Pranzo in ristorante con menù tipico. Al termine, si proseguirà per un giro lago in bus, costeggiando la Riserva Naturale del Lago di Vico, considerato uno dei laghi più belli e romantici d’Europa, il lago italiano più alto sul livello del mare. Al termine possibilità di degustazione di dolci tipici alle nocciole, di cui il territorio è tra i più importanti produttori d’Italia. Proseguimento per il Santuario della Madonna della Quercia, progettato da Giuliano Sangallo, che conserva preziose opere come le Terrecotte di Andrea dalla Robbia e il tempietto marmoreo che custodisce un’Antica Quercia del 1400 con sopra, ancora incastonata, una semplice tegola su cui è dipinta la miracolosa immagine della Madonna col Bambino. Celebrazione della Santa Messa. Al termine delle visite rientro in hotel per la cena e il pernottamento.

3° giorno – Mercoledì 9 Ottobre:                                                                                                 

VITERBO – TUSCANIA – TARQUINIA – VITERBO

Prima colazione in hotel. Al mattino visita guidata di Tuscania, situata su un ripiano di tufo all’inizio della Maremma Viterbese. Qui si trovano resti risalenti al periodo etrusco e romano, ma soprattutto le splendide chiese romaniche di San Pietro e Santa Maria Maggiore, i monumenti romanici più significativi del Viterbese. Non si può però lasciare Tuscania senza aver passeggiato nel centro storico protetto dalle mura in tufo. È infatti un vero e proprio quartiere-museo. Pranzo in agriturismo. Nel pomeriggio si raggiunge Tarquinia. Visita della Necropoli, dichiarata dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità” per la presenza di un eccezionale ciclo monumentale di tombe dipinte, definito come “la prima pagina della grande pittura italiana”. Al termine tempo libero per passeggiare nel bellissimo centro storico ricco di botteghe artigiane. Quindi rientro in hotel a Viterbo. Cena e pernottamento.

4° giorno – Giovedì 10 Ottobre:                                                                                                   

VITERBO – CIVITA DI BAGNOREGIO – BOLSENA – VITERBO

Prima colazione in hotel. Al mattino si raggiunge Civita di Bagnoregio, nota come “la città che muore”: luogo di struggente bellezza posto su un’isolata massa tufacea nel mezzo della Valle dei Calanchi e collegato al mondo da una stretta passerella. “Andare a Civita è come intraprendere un viaggio a ritroso nel tempo, dove tutto si è fermato”. Salita con i pulmini all’antico abitato da cui si domina uno dei panorami più suggestivi sulle famose “crete”. Visita al Duomo, al luogo della casa natale di San   Bonaventura e al solitario e silenzioso borgo, testimonianza della civiltà etrusca. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio si prosegue per il pittoresco centro storico di Bolsena, visita alla Chiesa di Santa Cristina del IV sec., alla Grotta della Santa che conserva la pietra con la sua impronta e alla Cappella del Miracolo. Celebrazione della Santa Messa. Al termine della visita tempo libero per visitare le botteghe artigiane della città. Rientro in hotel per cena e pernottamento.

5° giorno – Venerdì 11 Ottobre:                                                                                                   

VITERBO – BOMARZO – VILLA LANTE A BAGNAIA – CONCOREZZO

Prima colazione in hotel. Al mattino partenza per Bomarzo: visita al famoso Parco dei Mostri voluto da Vicinio Orsini nella metà del ‘500, per stupire e meravigliare chiunque vi entrasse. Al termine, si proseguirà per Bagnaia che fu per lungo tempo luogo di villeggiatura di nobili signori e di importanti prelati. Visita di Villa Lante, voluta dal Card. Giovanni Francesco Gambara su disegno del Vignola, splendido esempio di residenza cinquecentesca, arricchita dai meravigliosi Giardini all’Italiana con fontane e giochi d’acqua. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio partenza per il viaggio di rientro, con arrivo previsto in serata.

Questo blocco contiene contenuto inaspettato o non valido.

 
Iscrizioni in segreteria parrocchiale
 

Maggio 2019 – Libano

postato in: Viaggi Parrocchiali | 0

PELLEGRINAGGIO IN LIBANO

NELLA TERRA DEI CEDRI 

dall’ 1 all’8 Maggio 2019    (8 giorni/7 notti)

1° giorno: MERCOLEDI’ 1 MAGGIO 2019

CONCOREZZO – AEROPORTO DI MALPENSA (Milano) – BEIRUT

Nelle prime ore del mattino ritrovo dei partecipanti in Via De capitani, 35. Partenza coll’autobus per il transfer all’aeroporto di Milano Malpensa. Disbrigo delle formalità per l’imbarco e partenza del volo di linea per Beirut. All’arrivo, incontro con guida locale, sistemazione sul pullman, tour panoramico della città. Trasferimento in hotel. Sistemazione nelle camere, cena e pernottamento.

2° giorno: GIOVEDI’ 2 MAGGIO 2019

BEIRUT – PALAZZO DI BEITEDDINE – DEYR EL-QAMAR – BEIRUT

Partenza dopo la colazione in albergo, per le montagne del Shuf, il cuore del principato del monte Libano ai tempi dell’impero degli Ottomani (dal 16° al 19° secolo). Arrivo al palazzo di Beiteddine, ossia “casa della religione”, sito in una zona collinare, edificato per volere dell’emiro cristiano Bashir Shihab II ai primi del XIX secolo, con le sue arcate eleganti, stanze di ricevimento e cortili, giardini e musei che espongono mosaici trovati sul sito archeologico di Jiyeh. Si prosegue per Deyr el-Qamar, ossia “Monastero della luna”; fu la capitale del monte Libano all’inizio del XVI secolo, sotto l’emiro druso Fakhr al-Din II. Passeggiata nella pittoresca città, tra caravanserragli, palazzi, la piazza principale, la moschea e la chiesa Maronita di Nostra Signora del Racconto. Celebrazione della Santa Messa. Sosta per il pranzo al ristorante. Nel pomeriggio rientro a Beirut; visita gidata del Museo nazionale, che ospita una bellissima selezione di reperti archeologico. Quindi passeggiata nel centro città. Rientro in Hotel per cena e pernottamento. 

3° giorno: VENERDI’ 3 MAGGIO 2019

BEIRUT – SIDONE – TYRO – BEIRUT

Prima colazione in hotel. Al mattino celebrazione della S. Messa. Partenza per il sud del Libano per la visita di Sidone e Tyro, le città-stato fenice più prestigiose, menzionate nella Bibbia. Al mattino visita della città vecchia di Sidone, il castello dei crociati, uno dei più importanti siti archeologici della città. Il caravanserraglio “Khan el Franj” e la cattedrale di San Nicholas che si trova all’interno del caratteristico suk. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio trasferimento a Tyro, visita del sito archeologico di El Bass, che include l’ippodromo romano, la necropoli romano-bizantina e l’Arco di trionfo, quindi il sito marittimo con l’arena e i bagni romani. Una breve passeggiata attraverso la zona residenziale antica per incontrare i pescatori al porto. Rientro a Beirut. Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno: SABATO 4 MAGGIO 2019

BEIRUT – ANJAR – VALLE DELLA BEKAA – CANTINE VINICOLE KSARA – JOUNIEH

Prima colazione in hotel. Al mattino celebrazione della S. Messa. Quindi partenza per Anjar, grazioso villaggio ai piedi della catena montuosa Anti-Libano, noto soprattutto per essere un centro archeologico di notevole importanza, con i resti di un complesso architettonico di epoca omayyade, che si ritiene sia stato edificato dal califfo Walid I (705-715). La cittadina è oggi prevalentemente popolata dai discendenti di circa seimila armeni che abitavano la regione di Musa Dagh. Quando nel 1939 le autorità mandatarie francesi cedettero la regione alla Repubblica di Turchia, gli abitanti armeni, che erano scampati al genocidio del 1915 grazie ad una resistenza accanita e temevano ritorsioni da parte turca, cercarono rifugio in Siria e in Libano, e molti di essi diedero vita all’attuale insediamento. Al termine trasferimento alla Valle della Bekaa, una fertile vallata che si estende per il Libano e la Siria, delimitata dalle montagne del Monte Libano ad ovest e dai monti dell’Anti-Libano ad est. Visita del sito storico-archeologico di Baalbeck, il più importante della vallata, un’antica città che prende il nome dal dio cananeo Baal. Baalbek contiene impressionanti rovine romane, tra cui i templi dedicati a Giove, Bacco e Venere, e considerati come i più grandi e meglio preservati del mondo dell’Antica Roma. Pranzo in ristorante. Al termine si raggiungono le cantine dello Château Ksara, di antica tradizione vitivinicola risalente al 1857 ad opera della Congregazione di sacerdoti gesuiti presenti in quelle terre ad evangelizzare. Da allora innesti nuovi, vitigni portati dalla Francia, acquisizione di nuove vigne, hanno portato ad un imbottigliamento annuale di circa tre milioni di bottiglie esportandole in tutti i paesi del mondo dove si consuma vino. Sosta per una visita con degustazione. Proseguimento per Jounieh, sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

5° giorno: DOMENICA 5 MAGGIO 2019

JOUNIEH – GROTTA DI JEITA – BYBLOS – MONASTERO DI SAN MARONE – JOUNIEH

Prima colazione in hotel. Al mattino celebrazione della S. Messa. Visita della Grotta di Jeita, una meraviglia della natura, costituita da due grotte calcaree, gallerie superiori e una caverna inferiore attraverso la quale scorre un fiume lungo 6230 mt. In questa grotta l’azione dell’acqua nella roccia calcarea ha creato una cattedrale, con volte piene di stalattiti e stalagmiti di forme, dimensioni e colori diversi, maestose cortine e fantastiche formazioni rocciose. Trasferimento a Byblos, antica città cananea sulla costa del Libano. Le più antiche testimonianze archeologiche restituite dall’area fenicia provengono proprio da questa città, dichiarata dall’Unesco patrimonio mondiale. L’alfabeto fenicio fu inventato qui. Visita del castello dei Crociati, delle rovine di epoca Neolitica e del Bronzo, il porto fenicio, la chiesa dei Crociati. Pranzo in ristorante. Breve tempo libero per una passeggiata nell’antico mercato. Nel pomeriggio si prosegue per il Monastero di San Marone e l’eremo di San Pietro e Paolo, dove visse e morì San Charbel Makhluf, monaco cristiano e presbitero libanese, cattolico, monaco dell’Ordine Antoniano Maronita, definito il “Padre Pio” del Libano, taumaturgo, la sua fama è legata ai numerosi miracoli attribuitigli dopo la sua morte. Rientro in hotel a Jounieh. Cena e pernottamento.

6° giorno: LUNEDI’ 6 MAGGIO 2019

JOUNIEH – VALLE SACRA DI QADISHA – MUSEO GIBRAN – FORESTA BIBLICA DEI CEDRI – MONASTERO DI SAN ANTONIO KOZHAYA – JOUNIEH

Prima colazione in hotel. Al mattino celebrazione della S. Messa. Partenza verso nord per la Valle Sacra di Qadisha, una profonda gola creata dal fiume omonimo. La vallata è oggetto di protezione non solo per lo spettacolare paesaggio naturale creato dai fianchi scoscesi della gola, dalle vette montane che raggiungono fino a 3000 metri, e dalle residue foreste di cedri del Libano, conifere e ginepro, ma anche perché ospita alcuni degli insediamenti monastici cristiani più importanti del Medio Oriente, molti dei quali si trovano abbarbicati sui fianchi della valle. Visita del Museo di Khalil Gibran, figura letteraria più famosa del Libano. Si tratta di un vero e proprio chiostro in un monastero abbandonato, poco distante da Bisharri, il paese natale del poeta. Il suo nome è Mar Sakis (San Sergio), la sua cappella e alcune celle sono scavate direttamente nel fianco calcareo della montagna. Il terreno terrazzato, che si trova di fronte, digrada a precipizio giù per la gola ed è perennemente lussureggiante. Qui, nella cripta scavata nella roccia dell’eremo, il poeta ha trovato la sua agognata dimora (l’epitaffio recita: “sono vivo, come te, e sono ora al tuo fianco. Se chiudi gli occhi e ti volti, mi vedrai dinanzi a te”). Proseguimento per la Foresta biblica dei cedri, situata a 2000 mt di altitudine. Pranzo in ristorante tipico. Nel pomeriggio visita del monastero di S. Antonio Kozhaya, dove sorse la prima tipografia del mondo arabo del 16° Secolo. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

7° giorno: MARTEDI’ 7 MAGGIO 2019

JOUNIEH – SANTUARIO N. S. DI HARISSA – BATROUN – JOUNIEH

Prima colazione in hotel. Al mattino si raggiunge il Santuario di Nostra Signora di Harissa, importante luogo di pellegrinaggio cristiano maronita. Santuario mariano in onore del santo patrono del paese mediterraneo del Libano. Celebrazione della S. Messa. Al termine trasferimento nella città-porto di Batroun, pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita guidata di questa città pittoresca, a maggioranza cristiana. Antica città fenicia di Botri, del suo glorioso passato conserva i resti di un anfiteatro di epoca romana, le cui gradinate sono intagliate nella roccia e una fortezza costruita dagli Arabi, che domina l’antica strada che da Beirut porta a Tripoli. La visita includerà il muro fenicio e le antiche chiese. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

8° giorno: MERCOLEDI’ 8 MAGGIO 2019

JOUNIEH – BEIRUT AEROPORTO – AEROPORTO MALPENSA – CONCOREZZO

Prima colazione in hotel. Al mattino celebrazione della S. Messa. Trasferimento a Beirut. Completamento delle visite, si percorrerà in pullman la Corniche con sosta alla roccia del piccione, simbolo naturale della città. Al termine trasferimento all’aeroporto di Beirut, per il volo di rientro a Milano Malpensa. Arrivo e transfer con pullman privato GT in sede.

Se sei interessato Scarica il programma