L’Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati Lourdes Santuari Internazionali), fondata nel 1903, è presente a Concorezzo da più di cinquant’anni.

E’ un’associazione di volontari, totalmente autofinanziata, che attraverso il servizio verso e con gli ammalati e i disabili desidera vivere una profonda esperienza umana e spirituale. Concretamente, promuove principalmente i pellegrinaggi verso i Santuari di Lourdes ( a Settembre) e Loreto ( a Maggio ) e momenti di convivialità e condivisione spirituale durante tutto l’anno (per esempio la cena di Natale).

L’11 Febbraio, giorno dedicato a Nostra Signora di Lourdes , celebriamo la “Giornata dell’Ammalato” dando inizio alle nostre attività. Durante il mese di Marzo viene solitamente proposta la vendita delle piantine di Ulivo aderendo ad un iniziativa che si svolge per tutte le Sezioni dell’Unitalsi a livello nazionale. Durante il mese di Giugno gli appuntamenti sono per la Festa dell’ammalato, un pomeriggio di preghiera e festa, e per il Pellegrinaggio giornaliero verso un Santuario Mariano ogni anno diverso. D’estate è tempo di vacanza e volontariato in Liguria, alla Casa della Gioia di Borghetto, aperta ormai tutto l’anno e pronta ad accogliere non solo disabili ma intere famiglie e gruppi. Infine nel mese di Dicembre la vendita dell’olio, il cui ricavato viene utilizzato per le attività del gruppo e a favore di iniziative benefiche, e il pranzo di Natale per gli anziani e ammalati della nostra comunità a cui sono invitate tutte le Associazioni del territorio che dedicano la loro opera a chi è più nel bisogno o in un momento delicato della propria vita.

Sabato 10 Febbraio 2018

Ore 16 Celebrazione della Santa Messa per gli ammalati

In occasione dell’anniversario della apparizione della Madonna a Lourdes

“Ponendomi fin d’ora spiritualmente presso la Grotta di Massabielle, dinanzi all’effige della Vergine Immacolata, nella quale l’Onnipotente ha fatto grandi cose per la redenzione dell’umanità, desidero esprimere la mia vicinanza a tutti voi, fratelli e sorelle che vivete l’esperienza della sofferenza, e alle vostre famiglie; come pure il mio apprezzamento a tutti coloro che, nei diversi ruoli e in tutte le strutture sanitarie sparse nel mondo, operano con competenza, responsabilità e dedizione per il vostro sollievo, la vostra cura e il vostro benessere quotidiano. Desidero incoraggiarvi tutti, malati, sofferenti, medici, infermieri, familiari, volontari, a contemplare in Maria, Salute dei malati, la garante della tenerezza di Dio per ogni essere umano e il modello dell’abbandono alla sua volontà; e a trovare sempre nella fede, nutrita dalla Parola e dai Sacramenti, la forza di amare Dio e i fratelli anche nell’esperienza della malattia.” (papa Francesco)